HELPDESK PER ENTI LOCALI

HELPDESK PER ENTI LOCALI

Durante l’interazione con gli enti locali nell’ambito del progetto Regeocities, sono emersi due temi rilevanti:

  • Il bisogno di sostegno da parte degli enti locali per lo sviluppo della geotermia a bassa entalpia nelle città e nelle comunità attraverso norme, strumenti di monitoraggio e di pianificazione efficienti ed efficaci.
  • La difficoltà nel reperire informazioni relative alla geotermia a bassa entalpia: dati tecnici, norme, ecc. Perciò, è necessario fornire tutte le informazioni di cui gli enti locali hanno bisogno.

Punti di informazione locali o helpdesks sono lo strumento migliore per soddisfare questi fabbisogni. Per facilitarne la creazione, il progetto ReGeoCities ha sviluppato un helpdesk online a livello europeo che servirà come trampolino di lancio per gli enti locali che vogliano creare un proprio helpdesk/punto di informazione. Tale helpdesk online fornirà una struttura-guida e le informazioni iniziali da cui potranno partire le amministrazioni pubbliche per soddisfare i fabbisogni e i requisiti manifestati a livello locale.

L’helpdesk, a cui si può accedere dal sito web del progetto ReGeoCities, contiene:

  • I documenti con i risultati chiave del progetto, che potranno essere utilizzati dagli enti regionali e nazionali, ed in particolare:
  • Manuale per l’implementazione del Database (contiene le informazioni per l’uso del database che è stato sviluppato per sostenere gli enti locali nella raccolta e monitoraggio dei dati relativi alle caratteristiche degli impianti)
  • Studio sull’integrazione della geotermia a bassa entalpia negli edifici
  • Studio sull’integrazione della geotermia a bassa entalpia nelle città
  • Una sezione con le FAQ, create con le domande emerse durante i corsi di formazione e i workshop.
  • Un modulo con cui visitatori del sito web potranno inviare domande relative alla geotermia a bassa entalpia. Queste domande saranno trasmesse agli organismi nazionali competenti.
Documenti utiliTraining course presentationsFAQsInvia la tua domanda

Una collezione di documenti per l’helpdesk relativi all’integrazione dei sistemi geotermici a bassa entalpia nelle città

Database screen Integration buildings screenshot integration cities snapshot Cover Indicazioni
Manuale sul database Integrazione negli edifici Integrazione nelle città  Indicazioni per costituzione helpdeskper lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia

 

Seleziona una delle domande seguenti per mostrare la risposta

Che cosa sono le pompe di calore geotermiche?

Le pompe di calore geotermiche sono una tecnologia per soddisfare il fabbisogno termico per il riscaldamento/raffrescamento e per la produzione di acqua calda sanitaria attraverso l’utilizzo della geotermia a bassa entalpia, cioè il calore conservato nel sottosuolo.

Le pompe di calore geotermiche sono costituite dalle seguenti 3 componenti:

- Edificio;

- Sottosuolo;

- Pompa di calore.

Ci sono due sistemi per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria:

Sistemi a circuito aperto, dove il principale vettore termico, falda acquifera, scorre liberamente nel sottosuolo e viene utilizzato direttamente attraverso i pozzi della falda acquifera.

Sistemi a circuito chiuso, che utilizzano vari tipi di sonde geotermiche posizionate nel sottosuolo. Ci sono vari tipi di sistemi a ciclo chiuso.

Le basse temperature nel suolo possono essere cambiate artificialmente attraverso lo stoccaggio del caldo o del freddo, creando un sistema di stoccaggio di energia geotermica: questi sistemi sono conosciuti come Sistemi di stoccaggio di energia termica nel sottosuolo (UTES, Underground Thermal Energy Storage systems). Ci sono due tipi di UTES:

Stoccaggio di energia termica in acquifero (ATES, Aquifer Thermal Energy Storage)

Stoccaggio di energia termica con perforazioni (BTES, Borehole Thermal Energy Storage)

La temperatura di stoccaggio più elevata nei sistemi geotermici è di circa 90°C, la più bassa è di 5°C.

Quali sono i benefici connessi alle pompe di calore geotermiche?

Le pompe di calore geotermiche sono ...

 

... Rinnovabili

I sistemi di geoscambio possono fornire calore e freddo 24 ore su 24 senza produrre emissioni attraverso l’utilizzo di calore della terra pulito, inesauribile e locale.

... Efficienti

Le pompe di calore geotermiche sono una tecnologia per soddisfare il fabbisogno termico che appartiene alla categoria A+++ del nuovo sistema di etichettatura UE. L’elevata riduzione nel consumo energetico permette di ottenere un risparmio economico.

... Competitive

Nonostante l’elevato costo iniziale, le pompe di calore geotermiche garantiscono un ritorno degli investimenti in tempi brevi. Casi studio dimostrano che un boiler a gas diventa più costoso di una pompa di calore geotermica dopo meno di 3 anni di funzionamento: questi dati dimostrano che i risparmi associati ad un sistema geotermico possono compensare velocemente i costi di installazione.

... Affidabili

Le pompe di calore usate nei sistemi di geoscambio hanno un basso numero di guasti per unità installata rispetto a tecnologie simili, rendendo i sistemi facili da mantenere.

... Versatili

I sistemi di geoscambio consentono vari usi finali: riscaldamento e raffrescamento, acqua calda, e stoccaggio di energia. Possono essere installati in edifici di grandezza e con destinazioni diverse.

Cosa può fare la geotermia a bassa entalpia per te e per la tua comunità?

La geotermia a bassa entalpia è una fonte locale, rinnovabile, efficiente e versatile che può fornire riscaldamento e raffrescamento puliti e competitivi agli edifici e all’industria.

I sistemi di geoscambio utilizzano il calore dagli strati superficiali della Terra (fino a 400 m) per fornire riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sia per case che imprese in tutta Europa. In UE sono state installate più di 1 milione di pompe di calore geotermiche producendo un risparmio di energia del 50% in inverno e 40% in estate. Per il raffrescamento, è possibile raggiungere risparmi fino al 90%.

Did not find what you were looking for? Please use the form below to submit your question. Questions can also be submitted in your national language.

Your Name (required)

Your Email (required)

Country (required)

Your Question (required)